IVA – Aliquote agevolata anche per il caffè in cialde

notiziario del 18/11/2016
IVA – Aliquote agevolata anche per il caffè in cialde

L’aliquota Iva del 10% prevista per le somministrazioni di alimenti e bevande mediante distributori automatici si applica anche alla fornitura di capsule o cialde nei confronti degli utilizzatori che si qualifichino consumatori finali, ancorché esercenti attività d’impresa, come nel caso del datore di lavoro che acquista i prodotti per il consumo proprio.

Va evidenziato, ove ve ne fosse bisogno, che, in tal caso, l’IVA sull’acquisto è indetraibile.

Via libera, inoltre, all’aliquota agevolata sulle forniture a soggetti privati che utilizzano le capsule o le cialde negli apparecchi detenuti in base a contratti di noleggio o comodato con la stessa impresa fornitrice, a condizione che contratti e fatture della fornitura siano intestati alla stessa persona.

Queste le precisazioni rese dall’Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 103/E/2016, in risposta ai quesiti concernenti l’interpretazione della voce n. 121 della tabella A, parte III, allegata al D.P.R. 633/1972, che, nel testo risultante dopo le modifiche apportate dall’articolo 20, D.L. 63/2013, assoggetta all’aliquota ridotta del 10% anche le somministrazioni di alimenti e bevande effettuate mediante distributori automatici (in precedenza sottoposte all’aliquota del 4%, ma solo per gli apparecchi collocati in determinati luoghi).

Annunci