Dal primo ottobre più complicato pagare imposte e contributi.

Rif.norm. DECRETO RENZI, art. 11, D.L. 66/2014.

Dal primo di ottobre per i contribuenti cambieranno le modalità di utilizzo del modello F24 per il versamento delle imposte, da tale data, come già preavvisato nella nostra circolare del 10/05/2014, e, in maniera più approfondita, in quella del 06/09/2014, per i soggetti non titolari di partita IVA (il che coinvolge anche i soci di società di persone e di società capitali trasparenti), da tale data, infatti, potranno recarsi allo sportello solo per modelli F24 di importo inferiore ai 1.000 euro, in tutti gli altri casi dovranno utilizzare modalità telematiche (ENTRATEL, FISCONLINE, HOME BANKING). Non solo le modalità telematiche dovranno essere utilizzate anche nei casi di F24 “a zero” o “in compensazione”.

Obbligo di conto corrente

Per poter adempiere alla modalità telematica  il contribuente dovrà essere titolare di un conto corrente, anche cointestato, in quanto non è possibile disporre pagamenti su conti correnti di terzi in modalità telematica, o rivolgersi ad un intermediario per l’espletamento tramite F24 cumulativo.

La tabella

Per orientarVi nell’adempimento potete fare riferimento alla tabella sotto riportata.

Contribuente Tipo F24 Entratel Fisconline Home Banking Cartacea
Titolare part. IVA F24 “a zero” x x
F24 “a debito” con compensazione x x x
F24 “a debito” senza compensazione x x x
Privato F24 “a zero” x x
F24 “a debito” con compensazione x x x
F24 “a debito” senza compensazione, versamento superiore a 1,000 euro x x x
F24 “a debito” senza compensazione, versamento fino a 1,000 euro x x x x

Le modalità telematiche

Le modalità telematiche gestite dall’Agenzia delle Entrate sono due di seguito ed in breve una descrizione dei servizi.

  • Entratel (solitamente gestito dall’intemediario)
  • Fisconline (solitamente gestito dal contribuente)

Lo Studio, in quanto intermediario, è a disposizione della clientela per il servizio Entratel.

Annunci